Cascina Rosignana
bad & breakfast Cascina Rosignana
DATA ARRIVO
DATA PARTENZA
ADULTI
BAMBINI
  • Cascina Rosignana vista sul monferrato
  • Cascina Rosignana - Monferrato arte 1
  • Cascina Rosignana - Monferrato arte 2
  • Cascina Rosignana - Monferrato arte 3

GUARDA TUTTE LE FOTO

Monferrato e dintorni /

Arte e cultura

Il Monferrato è luogo di arte e cultura. è un erritorio in cui insistono piccole cità d'arte come Casale Monferrato, Asti, Moncalvo e decine di piccoli borghi con i loro meravigliosi castelli ghibellini svettanti su colline coltivate a vite.

Casale Monferrato


Già capitale del Marchesato del Monferrato fu dominio degli Aleramici fino ll'iniio del 300, dei Paleologhi, dei Gonzaga fino al 1708 e infine dei Savoia. Il centro storico è di notevole interesse per le sue architetture e opere d'arte. Si segnalano: Il Duomo di S. Evasio, la Sinagoga, il Forte, il Teatro Municipale, la Torre Civica, la Chiesa di S. Stefano che custodisce tele di Franesco Guala e di Guglielomo Caccia, detto il Moncalvo. 

Asti

Di epoca pre-romana fu un ducato longobardo. Il comune si costituì nel 1095 e assurse a grande potenza economica per via dei suoi mercanti banchieri che aprirono "banchi" in tutta Europa. Fu dominio dei Marchesi del Monferrato e dei Visconti di Milano, per poi passare ai Savoia.

Si segnalano: la cattedrale gotico pimontese di S. Maria Assunta con tele del Moncalvo, del Bassanino e di Gandolfino da Roreto, Palazzo Alfieri, casa natale di Vittorio Alfieri, Palazzo dei Podestà (XIII sec.), Civico Museo Archeologico e Paleontologico.

Moncalvo

Dopo brevi periodi di dominio da parte di diversi pretendenti al governo della città, nel 1309, Moncalvo tornò a far parte del Marchesato del Monferrato guidati dai Paleologi. Moncalvo seguì le sorti del marchesato e, con l'estinguersi del casato dei Paleologi, passò sotto il dominio del Gonzaga finché, nel 1708, non fu conquistata dai Savoia. Il pittore Guglielmo Caccia visse e venne ad esercitare la sua arte a Moncalvo insieme alla figlia Orsola, anch'essa pittrice e monaca nel locale convento di suore.

Si segnalano: Chiesa di S. Francesco con dodici opere del Caccia e, nella sacrestia, una tela del Quattrocento attribuita a Macrino d'Alba, Chiesa di S. Marco, Chiesa di S. Antonio con tele di Guglielmo e Orsola Caccia e Ferdinando Pozzo, Convento di S. Bernardino, Convento dei Cappuccini, Palazzo Paleologo, Teatro Comunale, Vecchia Sinagoga, Bastioni del Castello dei Marchesi del Monferrato.